Rischio Campi Elettromagnetici
08/07/2016

Il 1° luglio 2016 è stata recepita dagli stati membri dell’UE la Direttiva Comunitaria 2013/35/Ue riguardante le disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dai campi elettromagnetici.

La direttiva avrà effetto quindi sul Titolo VIII Capo IV – Agenti Fisici/Campi elettromagnetici del D.Lgs. 81/08, che verrà riformulato in base alle indicazioni della direttiva.

I campi elettromagnetici vengono generati ogni volta che si utilizza l’elettricità.

Questi campi emettono delle radiazioni dette Radiazioni Non Ionizzanti (N.I.R); lo spettro delle radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti è molto ampio: vanno dall’ultravioletto fino alla ELF (campi elettromagnetici a bassissima frequenza).

Gli effetti che le radiazioni hanno sulla salute dei lavoratori, dipendono in primo luogo dalla frequenza e dall’intensità.


Tra gli effetti a breve termine riscontrati durante l’esposizione ai vari tipi di radiazioni elettromagnetiche, vi è la stimolazione degli organi sensoriali, dei nervi e dei muscoli, o il riscaldamento della zona del corpo esposta direttamente al campo. Non vi sono ancora dati scientifici conclusivi, sugli effetti a lungo termine.

L’esposizione ai campi elettromagnetici comporta un rischio elevato soprattutto per i soggetti appartenenti a categorie sensibili, come ad esempio i portatori di dispositivi medici (es. stimolatori cardiaci, protesi articolari e auricolari, ecc) e le donne in gravidanza.

Alla luce di tutto ciò, il datore di lavoro è obbligato a valutare, insieme agli altri rischi presenti in azienda, i livelli dei campi elettromagnetici ai quali sono esposti i lavoratori, verificando se vengono superati i valori limite imposti dalla normativa ed indicando la presenza di tutte le attrezzature che possono generare il campo (es. apparecchiature per ufficio, antenne per stazioni, apparecchi di illuminazione, sistemi di sorveglianza, circuiti elettrici, procedimenti di saldatura, magnetizzatori ecc.).

I nostri tecnici rimango a Vs. disposizione per ulteriori informazioni e per provvedere, se necessario per la propria attività, all’integrazione del Documento sui Rischi con la Valutazione specifica dei Campi elettromagnetici.


Per qualsiasi chiarimento potete contattare i nostri uffici
GECO CONSULTING srl
Tel.  0721.987027 interno 3     -    Fax 0721.987811
Email: info@gecoconsulting.it

Torna all'elenco delle news

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Per maggiori informazioni sui cookies clicca qui