Preaload Image

Formazione

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA novità e conferme alla luce della normativa privacy sul trattamento delle immagini.

L’uso intensivo di dispositivi video influisce sul comportamento dei cittadini. Un ricorso significativo a tali strumenti in numerosi ambiti della vita delle persone eserciterà su queste ultime un’ulteriore pressione per impedire il rilevamento di quelle che potrebbero essere percepite come anomalie. Di fatto, queste tecnologie possono limitare le possibilità di muoversi e di utilizzare servizi in maniera anonima nonché, in linea generale, la possibilità di passare inosservati. Le conseguenze per la protezione dei dati sono enormi.

Mentre le persone potrebbero essere a proprio agio con la videosorveglianza installata, ad esempio, per una determinata finalità di sicurezza, occorre assicurare che non ne venga fatto un uso improprio per scopi totalmente diversi e inaspettati per l’interessato (ad esempio, per scopi di marketing, controllo delle prestazioni dei dipendenti, ecc.). Inoltre, attualmente si utilizzano molti strumenti per sfruttare le immagini acquisite e trasformare le telecamere tradizionali in telecamere intelligenti. La
quantità di dati generati da video, unitamente a questi strumenti e tecniche, aumenta i rischi di un uso secondario (correlato o meno allo scopo al quale viene inizialmente destinato il sistema) o persino improprio. Nel gestire la videosorveglianza sarebbe opportuno considerare sempre attentamente i principi generali del GDPR.

Il corso di formazione mira a fornire indicazioni sull’applicazione del GDPR in relazione al trattamento di dati personali attraverso dispositivi video.

Verranno trattati casi di studio reali applicando un ragionamento generale valido per tutte le potenziali aree di utilizzo.

PARTE I – NORMATIVA GIURIDICA SULLA VIDEOSORVEGLIANZA
Statuto dei lavoratori
Tutela della Privacy
Discipline specifiche

PARTE II – ASPETTI PROGETTUALI
I sistemi di videosorveglianza
Il controllo degli accessi da locale e da remoto
    – Servizi esterni, manutenzione, assistenza remota
    – Visualizzazione da smartphone
Procedure e istruzioni specifiche per la videosorveglianza
    – Modalità di trattamento dei dati video
    – Modalità di registrazione (durante e fuori l’orario di lavoro)
    – Conservazione: durata e modalità di conservazione delle immagini
    – Archiviazione
    – Cancellazione delle immagini
Il caso delle telecamere finte (le regole, i rischi e i benefici)
Relazione tecnica e dichiarazione dell’installatore sul sistema di videosorveglianza

PARTE III – VIDEOSORVEGLIANZA NEI CASI SPECIFICI
Impianti videosorveglianza nella Pubblica Amministrazione, Banche, Scuole.
   – La videosorveglianza nella città
   – La verifica preliminare e la notifica al Garante Privacy
   – La videosorveglianza negli stadi
Impianti videosorveglianza per i privati
Impianti videosorveglianza nei condomini
Elaborazione delle immagini per esigenze investigative
   – Campi di applicazione: limiti di utilizzabilità

PARTE IV – ALTRE TIPOLOGIE DI CONTROLLI
Finalità di sicurezza dei controlli
Controllo degli accessi ai luoghi di lavoro
   – Rilevazione di dati biometrici
Veicoli gps e spostamenti dei lavoratori
   – Registrazione degli eventuali veicoli aziendali
   – Uso promiscuo del mezzo di trasporto aziendale
Utilizzo degli smartphone
   – Geolocalizzazione
   – Installazione di APP per il controllo dei dipendenti
Tracciamento delle operazioni bancarie
Investigatori privati e guardie giurate

PARTE V – DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE
Registro dei trattamenti
I soggetti preposti ai sistemi di videosorveglianza
Analisi e valutazione del rischio
Misure tecniche e organizzative per la sicurezza del sistema di videosorveglianza
Valutazione d’impatto – DPIA
Privacy by design e by default
Informativa e consenso
Cartelli informativi sulla videosorveglianza
Audit e verifiche ispettive
Richiesta dell’accordo sindacale o istanza all’ispettorato del lavoro
Relazione dell’installatore
Il sistema sanzionatorio

PARTE VI – TEST DI VERIFICA FINALE
Casi pratici